Follow us 

INSEL

di Ginevra Panzetti ed Enrico Ticconi
con 4 danzator* e performer selezionat* tramite audizione
progetto di rete
 JUMP, composta da Oriente Occidente, Festival MILANoLTRE, I Teatri di Reggio Emilia, Lavanderia a Vapore/Piemonte dal Vivo, Marche Teatro/Inteatro Festival, Orbita, Scenario Pubblico/Compagnia Zappalà Danza, Teatro Comunale di Vicenza, Teatro Stabile dell’Umbria. (IT) // Torino Danza (IT) // Julidans Amsterdam (NL) // Le Pacifique – CDCN Grenoble Auvergne Rhône-Alpes (FR) // network Les Petites Scènes Ouvertes with the sponsorship of Caisse des dépôts (FR) // Pact Zollverein (DE) // Centre Chorégraphique National de Nantes within the framework of Accueil Studio 2022 (FR) // CCNR / YUVAL PICK within the frame of Accueil Studio program (FR) // Passages Transfestival – Metz (FR)

prodotto da Panzetti/Ticconi (DE) // Associazione culturale VAN (IT)
co-prodotto da Tanz im August / HAU Hebbel am Ufer (DE)

Residenza creativa per la nuova produzione coreografica di Panzetti/Ticconi (panzettiticconi.com); il duo – con sede in Italia e in Germania – dopo aver selezionato 4 danzator* e performer contemporane* professionist* (m/f/d) tramite audizione, si prepara all’allestimento di INSEL, il cui debutto è previsto per il 2023 presso il Tanz Im August, festival berlinese.

Un luogo con caratteristiche geomorfiche specifiche sarà il punto di partenza per la creazione di materiali dinamici e visivi: l’isola. Una porzione di terraferma, uno spazio circoscritto che definisce il percorribile, il luogo su cui è possibile modellare l’idea e la pratica dell’abitare. Partendo dal presupposto che il non isolamento è una delle condizioni fondamentali per lo sviluppo di una comunità, volgeremo lo sguardo ad antiche civiltà insulari e a come questa condizione geografica abbia generato e facilitato la preservazione di specifiche tradizioni culturali. L’isola diventa simbolo di una condizione esistenziale, di “distacco dal mondo”, un fecondo quanto terrifico collasso nel profondo. Partendo da iconici esempi letterari quali Robinson Crusoe di Defoe e La Tempesta di Shakespeare, il vocabolario coreografico si fonderà sulla figura del naufrago e dell’esiliato, sviluppandosi a partire dall’espressione drammatica, patetica, a tratti narcisistica del dolore e della ricerca interiore. Ci concentreremo su una peculiare plasticità cinetica data dall’equilibrio dinamico tra un’elevata precisione nel tempo, nel ritmo, nella sincronia e la rappresentazione emotiva del gesto.

Per ulteriori info: clicca qui.

  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

31 Ott 2022 - 06 Nov 2022

Luogo

Lavanderia a Vapore
Collegno (TO)