Dal 13 ottobre 2021, un mese dedicato alle artiste e agli artisti in residenza: sui canali social e web dei Centri di Residenza Italiani e sulla nuova pagina YouTube del Coordinamento Nazionale dei Centri di Residenza Italiani (promotore dell’iniziativa), spazio, voce e corpo alle parole di chi – anche durante i difficili mesi di chiusura dei teatri – ha continuato ad attraversare i luoghi di residenza.

Il 14 dicembre 2019 nasce a Brescia il Coordinamento Nazionale dei Centro di Residenza, allo scopo di promuovere incontri di approfondimento sugli sviluppi dei sistemi regionali e di contribuire all’evoluzione del Sistema Nazionale delle Residenze, attraverso il dialogo e la condivisione di esperienze. Nel corso dei vari incontri che si sono susseguiti negli ultimi due anni, il Coordinamento si è interrogato sulle azioni artistiche intraprese dai Centri di Residenza e sulle loro prospettive strutturali. Ancora, sui compiti ad essi affidati per qualificare i processi di creazione o di formazione delle artiste, degli artisti e del pubblico, resi possibili grazie all’attivazione di dialoghi ravvicinati con le scene locali e con le comunità di riferimento, nonché mediante progetti di rete con gli scenari internazionali.

I Centri di Residenza, pur nell’emergenza, hanno retto il drammatico impatto dell’epidemia con atti di quotidiana militanza e responsabilità. Grazie a questo virtuoso microcosmo, infatti, nei mesi della pandemia gli spazi sono rimasti aperti, garantendo continuità alla ricerca. Le Residenze sono così divenute “presidi resistenti”, rendendo evidente la preziosità della fase intermedia, quella che precede l’incontro con il pubblico.

Il Coordinamento Nazionale ha pertanto deciso, in questa fase, di approfondire e indagare la propria relazione con le artiste e gli artisti che ogni giorno abitano e attraversano i luoghi delle residenze. Ad ogni artista è stato chiesto di descrivere la propria idea di residenza con tre parole, raccontando la propria esperienza in un video. Un “gioco poetico” per provare a descrivere l’atavica fusione fra arte e spazio.

Oltre 200 le adesioni, che hanno consentito di intessere un racconto per parole e immagini, pubblicato a cadenza settimanale – a partire dal 13 ottobre – sui canali di ogni Centro coinvolto. Un mese, dunque, interamente dedicato alle residenze creative, per conoscere le attività di queste realtà e per immaginare nuovi scenari possibili. I contenuti video saranno inoltre raccolti nel nuovo canale YouTube del Coordinamento Nazionale dei Centri di Residenza, restando sempre sempre fruibili e reperibili.


Il Coordinamento Nazionale dei Centri di Residenza italiani è composto da: Centro di Residenza Ats C.Re.A.Re Campania composto da Teatro Area Nord/Teatri Associati di Napoli, Teatro delle Arti di Salerno; Centro di Residenza Emilia-Romagna composto da L’arboreto – Teatro Dimora, La Corte Ospitale; Periferie Artistiche – Centro di Residenza Multidisciplinare della Regione Lazio, composto da Twain, SettimoCielo, Vera Stasi e ONDADURTO Teatro; Centro di Residenza della Lombardia IntercettAzioni composto da Circuito CLAPS, Industria Scenica, Milano Musica, Teatro delle Moire, ZONA K; Lavanderia a Vapore – Centro di Residenza per la danza in Piemonte coordinato da Piemonte dal Vivo insieme a Coorpi, Mosaico Danza, Zerogrammi, Didee Arti e Comunicazione; TRAC Teatri di Residenza Artistica Contemporanea – Centro di residenza pugliese composto da Bottega degli Apocrifi, Tra il dire e il fare/La luna nel letto, Cooperativa teatrale CREST, Factory Compagnia Transadriatica e Principio Attivo Teatro; Centro di Residenza della Toscana, composto da CapoTrave/Kilowatt, Armunia; Centro regionale residenze artistiche Trentino – Alto Adige/Südtirol PASSO NORD composto da Centrale Fies, Oriente Occidente, Abbondanza/Bertoni, Cooperativa teatrale Prometeo; C.U.R.A. – Centro Umbro Residenze Artistiche, composto da Indisciplinarte, La Mama Umbria International, Coop. GE.CI.TE., Centro Teatrale Umbro, Micro Teatro Terra Marique.