DARK MATTERS | DOVE HANNO TREMATO LE PLACCHE

Lecture performance dal lavoro “Dove hanno tremato le placche”

Ideazione e performance Valerie Tameu
A cura di Johanne Affricot con Spazio Griot
Musiche Afrorack, Authentically Plastic, Sun Ra
Consulenza Drammaturgica Ilenia Caleo
In conversazione con Cherish Menzo per la parte laboratoriale
Co-produzione Polo del 900 e Spazio Griot
Produzione esecutiva Codeduomo


“Dove hanno tremato le placche” si presenta come un presagio sfumato che nasce dalla relazione tra il corpo e l’archivio. I pezzi di un archivio imperfetto galleggiano sulla superficie del ricordo e le immagini si concedono allo sguardo del corpo che le contempla. La relazione tra l’artista e quello che è rimasto si rivela nella danza; è un rituale intimo, non eloquente, che ci pone di fronte all’intimità del confronto e al bisogno del riconoscersi altrove, in un altro tempo e in un altro spazio. Quella che viene agita è la testimonianza di un incontro, un susseguirsi di tentativi di comprensione, elaborazione e rimescolamento delle tracce del passato. “Dove hanno tremato le placche” è anche un gioco di infanzia in cui ci si sintonizza con un tempo ciclico, dove memoria e presagio si confondono nell’immaginazione; un limbo ironico abitato da presenze bizzarre, oggetti reduci della Storia, azioni e parole in cerca di meraviglia.

Segue talk “Storie senza archivi e memorie postcoloniali”

Con Valerie Tameu, coreografa, danzatrice e performer
Ian Chambers, antropologo e sociologo britannico, docente di Studi culturali e media e Studi culturali e postcoloniali del Mediterraneo all’Università Orientale di Napoli
Benoit Challand, professore associato di Sociologia presso la New School for Social Research
Modera Liliana Ellena, storica e femminista

Muovendo dalla ricerca artistica “Dove Hanno tremato le Placche”, partiamo dal potere plastico delle arti performative di rimescolare le carte e mettere in luce soggettività oscurate, per riflettere sulla costruzione coloniale degli archivi del passato e degli immaginari del presente. Chi ha diritto ad avere diritti? Chi ha diritto alla storia? Quale “memoria” legittimare?
Attraversando la relazione problematica tra estetica, arte e razzismo, ascoltiamo voci che ci aiutano a intravedere il ruolo potenziale delle istituzioni artistiche nel farsi carico di riscrivere il futuro attraverso alleanze intersezionali, spezzando l’anestesia critica attuale verso forme di contro narrazioni, oppressioni, razzializzazioni, dalla storia al presente.

Foto courtesy SPAZIO GRIOT and the artist © Andrea Pizzalis, 2023 
  • 00

    giorni

  • 00

    ore

  • 00

    minuti

  • 00

    secondi

Data

25 Feb 2024

Ora

4:00 pm

Luogo

Lavanderia a Vapore
Collegno (TO)
Categoria
Informazioni

Accesso gratuito, gradita la prenotazione via mail a pedrazzoli@lavanderiaavapore.eu